Indicizzazione sito web: ecco come fare

Quando si parla di indicizzazione sito web si fa riferimento a tutte quelle attività finalizzate al posizionamento del proprio sito, del proprio blog, nei motori di ricerca.

Indicizzazione sito webNell’immenso panorama del world wide web, essere visibili è naturalmente fondamentale, ecco quindi come fare per raggiungere un buon risultato di indicizzazione anche se non siamo degli esperti Seo.
L’obiettivo di questa breve guida è quella di fornire le informazioni essenziali per raggiungere un buon posizionamento organico sui motori di ricerca per le proprie keyword di riferimento, parleremo quindi dell’importanza della scelta del nome a dominio, di come funziona una sitemap e di come generarla, e degli strumenti per inviare i propri url ai motori di ricerca, primo fra tutti Google. Iniziamo ad analizzare innanzitutto il nome a dominio del proprio sito, quello che viene definito dagli esperti naming di un sito web.

  1. E’ buona norma scegliere un nome a dominio che comunichi immediatamente, ai visitatori e ai motori di ricerca, la propria tipologia di attività, il proprio segmento commerciale. Per scegliere un nome a dominio seo occorre naturalmente valutare quali possono essere le ricerche frequenti per un determinato argomento o settore.
    Se vogliamo posizionare la nostra azienda, ad esempio un calzaturificio, potrebbe risultare vincente inserire nel nome a dominio key di riferimento come ad esempio, scarpe, calzature, o calzaturificio, si tratta di un esempio generico che può essere valido per ogni tipologia di settore commerciale.Per conoscere quali keyword, chiavi di ricerca, sono le più ricercate per il nostro settore, un valido strumento è Google Insights.
  2. Quando si parla di indicizzazione di un sito web, per i non addetti ai lavori, può risultare difficile comprendere le funzionalità di una sitemap. Si tratta di un file, di un documento generato manualmente o in automatico, in formato xml, che contiene una mappa di tutte le pagine del nostro sito.
    Una sitemap si può considerare come un documento di identità attraverso il quale presentiamo il nostro sito ai motori di ricerca, indicando in essa tutte le informazioni, le pagine, i contenuti, e non ultimi tutti i link presenti.
    Esistono strumenti in grado di generare, ed eventualmente ottimizzare una sitemap, per un migliore risultato di indicizzazione del sito web. Per citare un esempio, utilizzando un CMS come WordPress, esistono degli strumenti, dei plugin, in grado di generare in maniera automatica un sitemap del proprio sito.
    Esiste infatti la possibilità di comunicare con i motori di ricerca, con Google ad esempio, ed inviare la sitemap per la scansione degli url.
    Inviare una sitemap a Google è molto semplice. Si può infatti creare un account su Strumenti per Webmaster e caricare fisicamente il proprio file sitemap xml. Da questo momento la scansione automatica di Google visiterà periodicamente il nostro sito aggiornando nella serp tutti i nostri contenuti.
  3. Per concludere questa breve panoramica su come indicizzare il proprio sito web segnaliamo una delle operazioni molto importanti in materia di indicizzazione sui motori di ricerca, ossia l’invio degli url, non solo nei motori di ricerca ma segnalando il propio link in varie directory a tema o inserendolo in qualche altro sito o blog già indicizzati… poi lo spider ( software inglobato in un motore di ricerca che ha il compito di indicizzare il tuo sito web, inserendolo nel database del motore stesso) farà da sè.
Emidio Carlomagno

About Emidio Carlomagno

Content Writer e Social Content Curation. Specializzato nello sviluppare traffico di qualità