Seo e siti in multilingua ecco cosa sapere

Share on Facebook2Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone


Uno degli argomenti maggiormente ricercati in rete per quanto riguarda l’ottimizzazione e le strategie SEO riguarda i siti in multilingua. Andiamo ad analizzare brevemente quali possono essere i vantaggi e gli svantaggi nell’utilizzare un dominio di primo livello locale, una cartella oppure un sottodominio.

Siti in multilingua

Siti in multilingua

Quando si ha l’esigenza di creare un sito in multilingua occorre prima di tutto sapere che le due o più lingue diverse non devono mai essere nella stessa pagina. Questo è un punto fondamentale di un corretto approccio a livello Seo. Per creare siti in multilingua si possono quindi utilizzare cartelle diverse, sottodimini o estensioni di nome a dominio diverse. Ognuna di queste 3 opzioni ha dei vantaggi e degli svantaggi ecco nel dettaglio.

Usare un dominio di primo livello, ad esempio .it .de . fr ecc

Questo tipo di organizzazione dei propri contenuti consente di sfruttare diversi vantaggi. Innanzitutto si può raggiungere un posizionamento diverso in diverse SERP locali. La presenza di un Hosting locale, inoltre, migliora la presenza a livello di localizzazione, se si vogliono raggiungere utenti francesci o tedesci, ad esempio, la presenza di un dominio .fr o .de è naturalmente più indicata rispetto ad un dominio con altra estenzione, ad esempio, .it, che ospità contenuti in lingua straniera. Diverse estensioni inoltre non sono collegate tra di loro e quindi si evitano eventuali ban con la possibilità di lavorare, per ogni lingua su keywork più precise. Gli svantaggi di questa scelta sono di gran inferiori ai vantaggi, l’unico rilevante dal punto di vista del posizionamento è una storia nuova e inesistente per il dominio con estensione estera, naturalmente se si lancia il sito multilingua in fase di attivazione questo problema non esiste.

Usare una cartella del dominio principale per ogni lingua

Un sito multilingua può essere organizzato anche per sottocartelle, ad esempio /fr /de ecc. Questa soluzione ha due princiapli vantaggi, il vantaggio di ereditare l’autorità del sito principale, e la possibilità dii impostare la localizzazione del sito attraverso un unica piattaforma Webmaster Tools. Per quanto riguarda gli svantaggi il sito con cartelle per ogni lingua ha meno potere di posizionamento nelle Serp locali, se vogliamo posizionarci per una lingua in particolare una cartella di un dominio con un altra estensione sarà sicuramente meno visibile. Inoltre, in caso di penalizzazioni, il ban locale colpisce il dominio principale, con ripercussioni sulla Serp di appartenenza.

Infine c’è la possibilità di utilizzare un sottodominio

Per ogni linguaggio si può utilizzare un 3° livello it. o fr. o de. per esempio. Questo tipo di soluzione consente un posizionamento locale e un migliore approccio alle Serp, si eredita l’autorità del dominio principale e si può gestire in Webmaster Tools come sito geotarghettizzato. L’unico svantaggio è sempre il collegamento al dominio principale in caso di ban.

La migliore scelta Seo per siti multilingua deve quindi rispecchiare alcune esigenze ben precise. Se si parte con un nuovo progetto, già organizzato per gestire il multilinguaggio, il consiglio è quello di acquistare le diverse estensioni a dominio. Sopratutto quando si vuole competere per keyword importanti in diverse lingua la soluzione di un dominio diverse con estensione locale risulta la migliore.

Share on Facebook2Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
Emidio Carlomagno

About Emidio Carlomagno

Content Writer e Social Content Curation. Specializzato nello sviluppare traffico di qualità