I migliori strumenti che tutti i consulenti SEO usano

Quando si possiedono uno o più siti web è importante cercare di mantenerli aggiornati anche dal punto di vista SEO.

Seo Tools

Per questioni di tempo e inesperienza, risulta, spesso, difficile dedicarci al completo monitoraggio di un sito. Certo, non possiamo pretendere che esista uno strumento che faccia tutto al posto nostro, altrimenti i siti si troverebbero tutti allo stesso livello.

Ma, per nostra fortuna, possiamo contare su una serie di strumenti creati apposta per semplificarci la vita. Ognuno di questi ci permette di analizzare le keywords, scegliendo le più adatte, e fare un’analisi completa della piattaforma, individuando eventuali errori. Vediamo quali sono quelli indispensabili per ogni consulente SEO.

Tools dedicati alle keywords

È grazie alle parole chiave se un nostro articolo viene, o meno, posizionato in cima ai risultati di ricerca, rendendosi visibile per gli utenti. Scegliere quelle più adatte può, quindi, aiutarci a migliorarne il posizionamento ed esistono alcuni strumenti che lo fanno al posto nostro.

Tra questi citiamo per primo il tool marcato Google: Keyword Planner. Chi meglio di un motore di ricerca può suggerirci le migliori parole che gli utenti usano per trovare qualche cosa su internet?
Questo strumento crea una serie di parole chiave intorno ad alcuni termini di riferimento che possiamo inserire e lo fa, logicamente, tenendo in considerazione i risultati che lo riguardano. Ovvero, le ricerche eseguite, le keywords più cercate e quelle più usate dalla concorrenza.
Si tratta del principale strumento da prendere il considerazione perché è marchiato Google.

Un altro strumento semplificato, che serve allo stesso scopo, è Übersuggest, che prende in considerazione diversi motori di ricerca per suggerire le parole chiave più pertinenti. Anch’esso si basa sui risultati forniti da Google e li elenca in maniera davvero ordinata e comoda.

Analisi del sito

Se siete, invece, alla ricerca di uno strumento che analizzi interamente il vostro blog, mostrandovi i maggiori errori SEO e come correggerli, anche in questo caso esistono diverse opzioni, in base alle vostre necessità.

Ricollegandoci al tema “parole chiave”, SEMrush è un ottimo tool che analizza un dominio, mostrando una serie di risultati relativi alle keywords presenti in esso.

Anche in questo caso, ci saranno dei riferimenti relativi alla concorrenza racchiusi in semplici grafici. Si tratta di uno strumento immancabile per ogni consulente SEO che si rispetti, mantenendo sempre aggiornata la qualità SEO del proprio sito web.

Infine, per analizzare i backlinks, magari servendoci di utili grafici, Majestic SEO e Ahrefs sono i migliori nel loro campo.

Basta inserire, nell’apposito campo, il nome del proprio dominio per ottenere una serie di analisi sui link presenti. Il layout cambia leggermente fra i due, potendo scegliere quale è più di vostro gradimento.

Chiudiamo con uno strumento tutto italiano, SeoZoom, che monitora siti web e ci ridà una lista delle migliori parole chiave da usare, specificatamente pensato per il mercato italiano.

Quelli che vi abbiamo descritto in questo articolo offerto da Egidio Imbrogno, consulente SEO a Varese, sono i migliori strumenti per fare SEO in poche mosse e senza troppi sforzi, facilitando, di gran lunga, il lavoro del consulente SEO. Provateli tutti e, solo alla fine, scegliete quelli che fanno realmente al caso vostro.